CONTROLLI DIFENSIVI

IMG_4627 (Copia)

Con il termine controlli difensivi si intendono tutti gli atti di indagini posti in essere dal datore di lavoro, diretti ad accertare e verificare eventuali comportamenti illeciti perpetrati dai dipendenti ai danni dell’azienda.

L’art. 4 dello statuto dei lavoratori stabilisce il divieto di utilizzo di impianti audiovisivi e di altre apparecchiature per finalità di controllo a distanza dell’attività dei lavoratori, senza l’accordo con le Rsa/Rsu o, in mancanza, previa autorizzazione della competente Dtl. Tale assunto lascia spazio a tutti quei controlli che esulano dalla materia dell’esatto adempimento della prestazione lavorativa.

Sul punto la Corte di Cassazione è intervenuta con l’obbiettivo di chiarire che i controlli difensivi non possono riguardare l’esatto adempimento delle obbligazioni discendenti dal rapporto di lavoro, ma devono essere destinati ad accertare un comportamento che pone in pericolo la stessa sicurezza dei lavoratori, oltre al patrimonio aziendale, determinando la diretta implicazione del diritto del datore di lavoro di tutelare la propria azienda mediante gli strumenti connessi all’esercizio dei poteri derivanti dalla sua supremazia sulla struttura aziendale”.

In questo quadro normativo complicato, abbiamo ritenuto opportuno interpellare l’Avvocato Roberto Gobbi quale Legale esperto in materia, segretario Generale della Federpol e presente in vari tavoli di lavoro riguardante le materie in oggetto presso il Ministero dell’Interno e presso il Garante della Privacy, in modo da ottenere risposte certe e concrete.

Di seguito la breve intervista.

Domanda: Può l’azienda installare delle telecamere all’interno dei propri locali?

Avvocato Roberto Gobbi: SI! A condizione che vi sia almeno il sospetto che all’interno del luogo di lavoro avvengano attività illecite (…).

Domanda: Quali sono le attività illecite di cui si parla?

Avvocato Roberto Gobbi: In cima alla lista troviamo Furti, Truffe e inadempienze contrattuali (assenze ingiustificate e non dichiarate, finte malattie, rimborsi per spesa mai sostenute, ecc…), ma la lista riguarda tutte le tipologie di illeciti.

Domanda: Che strumenti può utilizzare l’azienda?

Avvocato Roberto Gobbi: La tecnologia aiuta molto l’azienda in questo genere di operazioni. Gli strumenti che generalmente vengono utilizzati sono:

  • Rilevatori GPS;
  • Software spia all’interno del PC o del telefono Cellulare;
  • Videocamere occulte e registratori occulti;
  • Pedinamenti;
  • Microspie ambientali;
  • Ecc…

Domanda: Davvero l’azienda può installare un GPS nell’auto del dipendente?

Avvocato Roberto Gobbi: Assolutamente SI! Purché ricorrano le condizioni che abbiamo appena analizzato. Del resto se l’investigatore privato può pedinare un soggetto, a maggior ragione il pedinamento potrà essere eseguito a distanza con un GPS, il quale è certamente meno invasivo.

Domanda: Anche un software spia all’interno del computer???

Avvocato Roberto Gobbi: Certo, ammesso che il device sia di proprietà aziendale. Con un’unica ulteriore prescrizione: attenzione alla posta elettronica privata.

Domanda: Per quanto riguarda le telecamere va bene se l’azienda utilizza il proprio sistema di videosorveglianza?

Avvocato Roberto Gobbi: Veramente questa pratica non è corretta, perché le finalità della videosorveglianza sono differenti rispetto ai controlli difensivi. In particolare le telecamere che si installano durante i controlli difensivi devono avere carattere temporaneo, occulto ed mirato alla repressione dell’illecito. Invece la videosorveglianza ha notoriamente le caratteristiche opposte ed è inidonea a carpire il genere di informazioni utili in tali casi.

Domanda: Secondo la sua esperienza cosa consiglia all’azienda che ha questo genere di problemi?

Avvocato Roberto Gobbi: La migliore strada che l’azienda può intraprendere è nominare un Investigatore Privato regolarmente autorizzato, strutturato con uno Studio Legale specializzato alle spalle, in modo da affrontare questo percorso con professionisti e con strumenti professionali, al fine di ottenere le prove necessarie a far valere un diritto in giudizio.

Condivilo!!!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •